Fac Simile Mandato Fiduciario

In questa pagina mettiamo a disposizione un fac simile di mandato fiduciario da compilare e stampare.

Spesso si sente parlare di mandato fiduciario, ma non sempre si capisce bene di cosa si stia parlando. Nello specifico, questo particolare tipo di contratto viene sovente utilizzato da società o persone che desiderano rimanere anonime e che preferiscono mantenere un certo grado di riservatezza, per non attirare attenzioni o altro. Naturalmente il tutto avviene operando nella più totale legalità, questo perché la legge lo consente proprio attraverso il contratto fiduciario. Grazie a questa tipologia di accordo, che non richiede la redazione di un patto o contratto pubblico, il fiduciante affida l’esercizio e la titolarità dei diritti di un bene ad un secondo soggetto, noto come fiduciario.

Il mandato fiduciario è un accordo che viene stretto tra due soggetti, da un lato il fiduciante, dall’altro il fiduciario. Il fiduciante è il mandante vero e proprio, ovvero colui che decide di trasferire la proprietà nominale di un bene ad un secondo soggetto, con tutti i diritti di sfruttamento ad esso collegati. Il fiduciario è invece colui che riceve il diritto di titolarità di questi beni. In realtà, nel mandato fiduciario il trasferimento è solo nominale, questo signfica che la titolarità effettiva del bene rimane al fiduciante, il quale decide di rivolgersi ad un fiduciario semplicemente per la sua gestione. Di fatto, il mandato fiduciario è quel negozio giuridico che si configura quando un soggetto sceglie un secondo soggetto come amministratore del proprio patrimonio.

Il negozio fiduciario ha lo scopo di effettuare una dissociazione tra proprietà formale e proprietà sostanziale di un bene, la prima passa dal mandante al fiduciario, mentre la seconda resta ovviamente al fiduciante. A conti fatti, il fiduciario ha lo scopo di amministrare questi beni per conto del mandante, e di farlo nell’ottica di sviluppare gli interessi di questo. Questo significa che, nonostante sia gestore di quei beni, il soggetto fiduciario deve sempre attenersi alle istruzioni e alle volontà del fiduciante, ciò non esclude il fatto che anche il fiduciario possa agire in modo indipendente, ma solo nel caso in cui questo diritto gli venga conferito dal mandante.

Il mandato fiduciario è un negozio che ha sostanzialmente due scopi. Il primo lo abbiamo appena accennato, un soggetto mandante si rivolge ad un secondo soggetto mandatario, per via delle sue capacità di gestione e di amministrazione del patrimonio. In sintesi, una persona può decidere di trasferire nominalmente i diritti di gestione dei propri beni ad un secondo soggetto che avrà il compito di amministrarli in modo profittevole. Il secondo obiettivo del mandato fiduciario è il seguente, proteggere la privacy del mandante e mantenere la riservatezza sulla proprietà formale di quel bene o di quella quota, utilizzando un secondo soggetto per agire in sua vece. Questa pratica viene spesso impiegata nel campo degli affari, per evitare di suscitare le attenzioni di eventuali concorrenti, ma anche per una questione di sicurezza interna.

Quando si parla di mandato fiduciario, bisogna anche trattare l’argomento del patrimonio separato, ciò che viene nominalmente trasferito dal mandante al fiduciario, infatti, non rientra mai nel patrimonio di questo. In sintesi, il fiduciante ha sempre la garanzia che il proprio bene, in caso di problemi economici del fiduciario, non sarà intaccato. Tra le altre cose, il negozio fiduciario non prevede vincoli in capo al fiduciante, essendo proprietario della sostanza dei beni, può richiamarli indietro in qualsiasi momento, nella loro totalità o solo in parte.

Il modello di mandato fiduciario presente in questa pagina può essere scaricato e modificato in modo semplice e veloce.

Fac Simile Lettera di Presentazione in Tedesco

In questa pagina mettiamo a disposizione un fac simile di lettera di presentazione in tedesco da compilare e stampare.

Molti pensano al curriculum, quando si tratta di rispondere ad un annuncio di lavoro o di candidarsi per un colloquio, non che sia un errore, ma spesso viene attribuita troppa importanza a questo documento. In realtà, viste le centinaia di mail ricevute da chi si occupa della prima selezione dei candidati, di frequente è la lettera di presentazione ad assumere un ruolo chiave. A questo aggiungiamo il fatto che sono tantissimi i ragazzi e le persone più in avanti con l’età che decidono di tentare la sorte all’estero. Questi, per via di ovvie motivazioni legate alla vicinanza geografica e agli stipendi, puntano spesso a paesi come la Germania. Se anche tu desideri trovare lavoro in questo Stato, di sicuro ti tornerà utile sapere come scrivere una lettera di presentazione in tedesco.

La lettera di presentazione è un elemento fondamentale di quello che in Germania viene chiamato Bewerbung, ovvero il pacchetto di dati contenente la lettera di presentazione, il curriculum vitae e tutti i documenti testimonianti titoli di studio e certificazioni, detti anche Zeugnis. Risulta essere importantissimo puntare sulla lettera di presentazione perché, in Germania così come nel resto del mondo, oggi è proprio questo elemento a fare la differenza e a fornire una motivazione in più al selezionatore, se l’interesse si blocca qui, è quasi sicuro che il curriculum in allegato nemmeno verrà aperto, così come gli altri documenti. Come sempre accade, la lettera motivazionale in tedesco dovrà essere breve e concisa, ma allo stesso tempo in grado di illustrare le principali capacità di chi l’ha redatta.

In Germania, più che altrove, sono molto attenti alla forma, questo significa che dovrai seguire alcune linee guida abbastanza precise, in merito ai caratteri e alla formattazione. Seguendo il modello DIN 5008, ti consigliamo di evitare font eccessivi, usando una grandezza del font compresa tra 11 e 12 punti, un’interlinea fra 1 e 1.5, e usando un carattere come Verdana o Calibri. Detto questo, l’intestazione è identica agli altri esempi di lettere motivazionali, a sinistra in alto i tuoi dati, a destra i dati dell’azienda. Segue una riga contenente l’oggetto, con una frase che manifesti la tua intenzione di candidarti per quel posto, ovvero Bewerbung als …. posizione. Fatto questo, puoi passare all’introduzione, per poi proseguire con il corpo e finire con la conclusione.

L’introduzione dovrà essere molto breve e di massimo 2 o 3 righe, con una frase iniziale di saluto, per esempio Sehr geehrter Herr Cognome. Durante l’introduzione è anche importante riportare qualche frase che faccia capire a chi la sta leggendo che conosci l’azienda e i servizi o prodotti che offre. Poi viene la parte principale della lettera, o corpo, che rappresenta anche il centro della tua lettera di presentazione in tedesco, è meglio che sia organizzata come se fosse una risposta alla domanda relativa a cosa daresti all’azienda se venissi assunto. In breve, all’interno di questa sezione devi spiegare in che modo le tue competenze, o capacità, potrebbero giovare a chi sta vagliando la possibilità di assumerti a discapito di altri candidati. Soprattutto in tedesco, è quasi obbligatorio evitare congiuntivi o periodi ipotetici, perché insinuano un dubbio, e usare periodi diretti in indicativo.

Per quanto concerne la conclusione, come sicuramente già saprai, è importante utilizzare le giuste formule di chiusura e di saluto, presenti in formato standard anche nella lettera di presentazione in tedesco. Potresti per esempio chiudere con Mit freundlichen Grüßen, cioè Cordiali saluti, oppure Mit besten Grüßen, cioè I migliori saluti. Meglio che il resto della lettera sia tradotto in tedesco da un madrelingua, e che non vi siano errori grammaticali.

Il modello di lettera di presentazione in tedesco presente in questa pagina può essere scaricato e modificato in modo semplice e veloce.

Fac Simile Lettera di Presentazione in Francese

In questa pagina mettiamo a disposizione un fac simile di lettera di presentazione in francese da compilare e stampare.

La lettera di presentazione, comunemente nota anche con la definizione di lettera motivazionale, è un documento oggi indispensabile nel campo della ricerca di un impiego. Visto che il curriculum è sempre più spesso uno strumento conoscitivo consultato rapidamente, spetta proprio alla lettera di presentazione introdurre il candidato e dare un veloce riepilogo della sua personalità e delle sue esperienze pregresse. In pratica, rappresenta una vera e propria anteprima discorsiva del curriculum, che spesso spinge un selezionatore a passare al passo successivo. Tra le altre cose, è importantissimo sapere scrivere una lettera motivazionale in lingua straniera, il francese, per esempio, è un idioma molto diffuso la cui conoscenza è essenziale per lavorare in certi paesi europei.

La lettera motivazionale, conosciuta in francese come lettre de motivation, è uno scritto che deve contenere una presentazione del candidato, il cui scopo è dare un’idea della propria personaa e di comunicarla agli occhi del selezionatore o del datore di lavoro. Dopo un’iniziale, e breve, presentazione, magari includente anche i titoli di studio più importanti, la lettera motivazionale dovrebbe sempre contenere una sorta di proposta, in sintesi, attraverso questo strumento dovrai elencare le tue competenze e illustrare in che modo potrebbero fare bene all’azienda che sta valutando se invitarti ad un colloquio conoscitivo. Per quanto concerne le modalità di invio, probabilmente sai già che la lettera di presentazione non va scritta in un documento a parte, ma direttamente all’interno del corpo della mail, e accompagnata dal curriculum in allegato. Queste sono regole di base che non cambiano, in nessuna lingua.

Vediamo come scrivere una lettera di presentazione in francese. Naturalmente il primo consiglio che possiamo darti è il seguente, se non padroneggi il francese, assicurati di farti scrivere una traduzione di una tua lettera di presentazione personale redatta inizialmente in italiano. Lettera che potrai in seguito arricchire con alcune formule verbali considerate standard per condire la lettre de motivation.

Detto questo, vediamo quali sono queste formule così importanti. In primo luogo il riferimento al destinatario, Madame o Monsieur se non conosci il nome di chi la leggerà, al quale dovrà seguire una immediata e breve presentazione del motivo per il quale stai inviando quella mail. Questo perché la lettera di presentazione, in quanto tale, non prevede un titolo. Per farti un esempio, dopo avere indicato il destinatario potresti esordire con una frase del genere, Je Vous contacte pour Vous manifester mon intérêt pour Votre offre d’emploi pour un poste de … au sein de Votre structure, che significa Vi contatto per manifestare il mio interesse verso una vostra offerta di lavoro per la posizione X all’interno della vostra struttura.

Terminata la prima parte, che puoi arricchire con qualche riferimento ai titoli di studio in tuo possesso, dovrai poi cominciare con la seconda parte della lettera di presentazione in francese, ovvero la sezione considerata in assoluto la più importante. Qui possiamo darti pochi consigli in lingua, considerando che dovrà essere farina del tuo sacco, come ti abbiamo già detto, dovrai riportare quelle che sono le tue competenze principali, e sottolineare i benefici che l’azienda otterrebbe da una tua eventuale assunzione. In questa fase, può risultare molto utile informarsi sulla storia e sulle caratteristiche dell’azienda e scrivere qualcosa orientato allo specifico ambito, così da fare vedere che sei interessato al tuo datore di lavoro, che sai cosa tratta, e che non hai copiato in giro la lettera.

Puoi terminare con una delle tante frasi conclusive standard, come Pour plus de détails concernant mon profil veuillez consulter mon Curriculum en pièce jointe, Je reste à votre disposition pour échanger davantage sur le sujet lors d’un entretien o Je vous prie d’agréer mes sincères salutations.

Il modello di lettera di presentazione in francese presente in questa pagina può essere scaricato e modificato in modo semplice e veloce.

Fac Simile Fattura Immediata

In questa pagina mettiamo a disposizione un fac simile di contratto di fattura immediata da compilare e stampare.

La Legge Italiana è molto precisa quando si fa riferimento alla fatturazione relativa alla cessione di un prodotto, prestazione d’opera o servizio. Da quando poi è stata introdotta anche la fatturazione elettronica, questo aspetto ha assunto dei contorni ancor più definiti in quanto a documentazioni fiscali. Risulta essere importante informarsi compiutamente sulle varie modalità e tipologia di fatture, per evitare multe e sanzioni, e naturalmente per adempiere ai propri obblighi fiscali in modo corretto e secondo legge. Ecco perché spieghiamo in cosa consiste la fattura immediata, come funziona e in che modo differisce dalle altre tipologie di fatture.

Il nome di questo tipo di fattura dovrebbe già spiegare ampiamente di cosa si tratta. In pratica, la fattura immediata è quella tipologia di documento fiscale che deve essere inviato nel momento dell’effettuazione di una prestazione o servizio o della vendita di un prodotto, ovvero entro lo stesso giorno nel quale si è verificata la prestazione del servizio o la vendita del bene. Volendo aggiungere un altro dettaglio importante, la fattura immediata è quel documento fiscale che viene utilizzato nella normalità dei casi, dunque dai prestatori o venditori in possesso di Partita IVA, nello specifico, quando non è previsto l’obbligo di alcuna documentazione di accompagnamento alla spedizione, come un documento di trasporto, di un prodotto al cliente. In quel caso, infatti, la modalità fiscale corretta è la fattura accompagnatoria.

Questa fattura ha una caratteristica fondante che la definisce, l’emissione da parte del prestatore d’opera o venditore, insieme alla consegna e alla spedizione, avviene esattamente nel momento in cui il cliente compra il bene o servizio. Inoltre, come già detto, questa modalità di fatturazione non prevede bolle di accompagnamento o altre documentazioni obbligatorie.

La fattura immediata ha sostanzialmente due scopi, permettere al venditore di rivalersi dell’imposta sull’acquirente e all’acquirente di scaricare poi l’IVA rivalsa dal venditore. Questo significa che la fattura immediata deve tassativamente contenere alcuni dati fondamentali. Vediamo quali sono i dati da riportare all’interno di questo documento fiscale. L’identificazione della fattura e la data di emissione, insieme ai dati che hanno lo scopo di identificare entrambi, nello specifico, il numero di partita IVA nel caso del venditore, e la partita IVA o codice fiscale nel caso del compratore. Chiaramente il secondo elemento importante è il totale dell’importo della transazione, sul quale andrà applicato il calcolo dell’IVA. Infine, questo documento deve anche contenere le modalità di pagamento e l’indicazione del prodotto o servizio erogato dal venditore al proprio cliente.

Esistono altre informazioni importanti da specificare in merito alla fattura immediata, soprattutto il fatto che questo documento fiscale, per legge, deve essere registrato entro e non oltre quindici giorni dalla sua emissione. Inoltre, la sua validità è tale anche senza che sia stata visionata dal cliente, in pratica, l’unico obbligo è l’invio da parte del venditore. Risulta anche interessante capire cosa la differenzia dalla fattura differita, nel secondo caso, il documento fiscale viene utilizzato per cumulare una serie di vendite con uno stesso cliente, e in pratica include al suo interno tutte le transazioni avvenute negli ultimi 30 giorni. Si tratta, a conti fatti, di un vero e proprio riepilogo unico.

Il modello di fattura immediata presente in questa pagina può essere scaricato e modificato in modo semplice e veloce.

Fac Simile Contratto di Affitto Terreno Agricolo

In questa pagina mettiamo a disposizione un fac simile di contratto di affitto di terreno agricolo da compilare e stampare.

L’agricoltura, ancora oggi, rappresenta una parte fondante dell’economia italiana, questo viene dimostrato dal fatto che un numero sempre maggiore di giovani sta scegliendo proprio questa strada professionale, magari aggiornando il mestiere grazie all’utilizzo del digitale e delle nuove tecnologie. Di contro, ciò che non cambia è la seguente questione, raramente un agricoltore risulta essere proprietario dell’appezzamento di terreno coltivato, visti gli altissimi costi di acquisto. Al contrario, spesso il professionista si trova a prendere in locazione il suddetto appezzamento, firmando un contratto di affitto di un terreno agricolo. In questa guida, dunque, vedremo nel dettaglio di cosa si tratta.

Si parla di affitto di un terreno agricolo quando il proprietario di un appezzamento decide di concederlo in locazione ad un’altra persona, che presumibilmente lo sfrutterà per avviare la propria attività nel campo. Quando viene chiusa questo tipo di operazione, ciò avviene tramite la firma di un regolare contratto di affitto che, proprio come nel caso degli appartamenti, prevede la presenza di un periodo di locazione e il pagamento di un certo canone di locazione. Di contro, esistono delle nette differenze tra una comune locazione e una locazione agricola, intanto il canone non è libero, ma viene determinato dal prodotto coltivato e di riflesso dal suo mercato. Esistono degli appositi indici Istat che vengono utilizzati per quantificare il canone. Inoltre, non è possibile stipulare un contratto di affitto di un appezzamento ad uso agricolo per un periodo inferiore ai 15 anni, con un minimo di 6 anni per gli appezzamenti considerati scarsamente produttivi, gli altri contratti di locazione non prevedono termini temporali così lunghi.

Il contratto di affitto agricolo prevede delle determinate caratteristiche e degli obblighi in capo al locatore e al locatario del terreno. La principale caratteristica riguarda l’uso di destinazione del terreno, in questo senso il locatario non ha il diritto di modificarlo, dunque esso dovrà rimanere ad uso agricolo. Naturalmente, da parte sua, il proprietario dell’appezzamento di terreno dovrà garantire all’agricoltore il rispetto di tutti i termini previsti come da contratto. Da aggiungere che il contratto di affitto di un terreno agricolo non è una scrittura privata, il che implica l’obbligo di registrarlo presso l’Agenzia delle Entrate entro e non oltre 30 giorni dalla firma del suddetto. Di contro, questi contratti prevedono una tassazione agevolata, nello specifico, l’affitto di un appezzamento agricolo è esente dal pagamento di IVA e l’imposta di registro è sempre fissa, con una aliquota pari allo 0,50% del canone.

Trattandosi di un comune contratto di locazione, anche l’affitto di un terreno ad uso agricolo prevede la possibilità di una disdetta via raccomandata con ricevuta di ritorno, sia essa richiesta dal locatore o dal locatario. Chiaramente, essa dovrà riportare la motivazione ed essere inviata almeno un anno prima della scadenza del contratto, in mancanza della disdetta, il contratto risulterà essere tacitamente rinnovato per il minimo previsto dalla legge. Detto questo, c’è un altro aspetto da specificare, non tutte le locazioni di terreni agricoli sono uguali, perché esistono diverse tipologie di contratti. Per esempio, ciò potrebbe riguardare la modalità di erogazione del canone o fitto, la casistica principale è la più nota, ovvero il pagamento di una certa somma di denaro ogni mese di contratto. Risulta essere comunque possibile ricorrere ad altri tipi di accordi, una tipologia molto diffusa è la mezzadria, che prevede il pagamento del canone concordando la consegna di una parte del raccolto. Infine, vi è il pagamento in natura tramite una qualsiasi prestazione.

Il modello di contratto di affitto terreno agricolo presente in questa pagina può essere scaricato e modificato in modo semplice e veloce.