Fac Simile Contratto di Permuta

In questa pagina mettiamo a disposizione un fac simile di contratto di permuta da compilare e stampare.

La permuta è un contratto regolato dall’articolo 1552 del Codice Civile, si tratta di una tipologia contrattuale molto diffusa in determinati settori, come per esempio quello immobiliare, in quanto prevede un trasferimento di un bene da una parte all’altra non necessariamente in presenza di un conguaglio in denaro, ma di un altro bene fisico. Oggi vedremo dunque in cosa consiste il contratto di permuta, come funziona e quali sono gli elementi essenziali che devono essere obbligatoriamente contenuti da questo documento.

Il contratto di permuta è un vero e proprio contratto di vendita, che prevede il passaggio di un bene dal venditore ad un nuovo proprietario. In realtà, la permuta differisce dalla vendita per un fattore determinante, in questo caso il passaggio di una proprietà fisica da un contraente ad un altro non avviene tramite un pagamento in denaro, ma tramite lo scambio con un’altra proprietà fisica, bene o diritto su un bene. In altre parole, la permuta si fonda sulla medesima logica del baratto. In ogni caso, vale la pena sottolineare che un contratto di permuta può prevedere anche un eventuale conguaglio in denaro, ma per essere considerato tale la somma liquida deve essere ritenuta come secondaria rispetto all’oggetto centrale del contratto, che deve appunto essere lo scambio di due beni fisici.

Trattandosi di un vero e proprio contratto di vendita, anche il contratto di permuta, per essere considerato valido, deve presentare al suo interno una serie di elementi essenziali. Per iniziare, il documento deve ovviamente specificare l’accordo in essere fra i due contraenti, che firmandolo si dichiarano coscienti dello stesso. Inoltre, all’interno del contratto deve essere specificata anche la causa, ovvero l’oggetto dello scambio, che deve ovviamente rispettare le norme vigenti e dunque la legge. Il contratto di permuta dovrà poi contenere la forma, ovvero le modalità dello scambio, in questo caso, la presenza della forma è essenziale per fare in modo che il contratto risulti valido. Infine, l’oggetto, in questo caso parliamo del vero e proprio scambio di beni o proprietà, oppure lo scambio con annessa presenza di un conguaglio economico a favore di uno dei due contraenti, per bilanciare il valore dello scambio.

Va comunque sottolineato che esistono diverse tipologie di contratto di permuta, i più semplici sono quelli che abbiamo già visto in precedenza, ovvero lo scambio puro di beni fisici e lo scambio con conguaglio economico. In questo caso, il funzionamento è abbastanza intuitivo, in caso di permuta pura, possiamo, per esempio, assistere ad un contratto che preveda il baratto di un’automobile con un’altra. Mentre nel caso di conguaglio, potremmo, per esempio, assistere al trasferimento di una proprietà immobiliare in cambio di un altro bene fisico, ma con l’aggiunta di una cifra in denaro per bilanciare il valore di uno dei due oggetti della transazione.

Infine, va anche specificato che il contratto di permuta non deve per forza riguardare il baratto di un bene fisico con un altro bene fisico, con o senza conguaglio. Questa tipologia di baratto, infatti, prevede anche il trasferimento di un diritto su una certa proprietà. Anche in questo caso, il modo migliore per spiegare la situazione è fare un esempio molto pratico, potrebbe accadere che il proprietario di un terreno edificabile ceda lo stesso ad un imprenditore edile, ottenendo da questo la proprietà di alcuni dei futuri appartamenti che l’imprenditore costruirà sul terreno. In questo caso, il proprietario di quel terreno non ottiene in cambio un bene fisico, ma il diritto su un bene fisico non ancora costruito.

File