Fac Simile di Contratto di Conto Vendita

In questa pagina mettiamo a disposizione un fac simile di contratto di conto vendita.

Il contratto estimatorio, noto nella pratica commerciale anche come contratto di conto vendita, è un contratto tipico, quindi previsto dal Codice Civile, che tratta l’argomento agli articoli 1556 e seguenti. Si tratta di un contratto per mezzo del quale una parte, denominato tradente, consegna una o più cose mobili all’altra parte, detta ricevente o accipiente, con il fine che questi le venda. Il contratto non comporta la vendita immediata, al momento della consegna, delle merci al ricevente, questi riceve infatti la disponibilità dei beni e la vendita avverrà solamente qualora questi, a sua volta, avrà rivenduto la merce.

Il contratto di conto vendita così adempie a due esigenze, una del tradente e l’altra del ricevente, il tradente, infatti, ha interesse che i propri prodotti siano distribuiti quanto più possibile nel territorio, in modo capillare, così da poter raggiungere una maggiore fascia di clientela e quindi incrementare le vendite, il ricevente o accipiente ha invece interesse a poter offrire alla propria clientela una vasta disponibilità di prodotti, senza dover anticipare il denaro necessario per l’acquisto degli stessi.

Risulta essere facile comprendere, quindi, come il contratto estimatorio trovi ampio uso nel commercio, tanto è che lo troviamo adoperato in tanti e differenti settori, tra cui quelli dell’editoria, delle calzature, dell’abbigliamento, degli accessori moda, degli oggetti preziosi e via dicendo.

Tra le clausole del contratto di conto vendita trova particolare importanza quella che consente al ricevente di pagare al tradente solamente quei prodotti che riuscirà a vendere. Il rischio di invenduto rimane, dunque, a carico del tradente purché il diritto alla restituzione dei beni venga esercitato entro un certo periodo, stabilito dal contratto estimatorio.

Dicevamo che con il contratto di conto vendita la proprietà dei beni rimane del tradente, fino alla vendita definitiva, mentre la disponibilità degli stessi è dell’accipiente, il quale se ne assume anche i relativi rischi, nel caso la restituzione dei beni non avvenga entro il termine pattuito, oppure se gli stessi non sono integri, il ricevente rimane comunque tenuto a dover pagarne il corrispettivo al tradente, come previsto dall’articolo 1557 del Codice Civile.

Quanto alle formalità che si applicano al contratto estimatorio, il Codice civile non prevede che questo tipo di contratto sia redatto con forma scritta anche se è sempre bene che tale tipo di accordo abbia detta forma per evitare qualsiasi tipo di controversia.

Il contratto di conto vendita non va confuso con il contratto di compravendita sotto condizione risolutiva, poiché nel contratto estimatorio la proprietà dei beni si trasferisce solo dopo il pagamento del prezzo e non subito, e non va confuso neppure con la vendita con condizione sospensiva visto che in questa ultima gli effetti del contratto sono subordinati al verificarsi di un dato evento, come previsto dall’articolo 1357 del Codice Civile, cosa che invece non accade nel contratto estimatorio.

File