Fac Simile di Contratto di Lavoro Intermittente o a Chiamata

In questa pagina mettiamo a disposizione un fac simile di contratto di lavoro intermittente o a chiamata.

Il contratto di lavoro intermittente o a chiamata è una particolare modalità esecutiva del contratto di lavoro subordinato. La sua particolarità è che il datore di lavoro può chiamare il lavoratore, e pagarne lo stipendio ovviamente, solamente qualora necessiti del lavoratore. Si tratta quindi di una forma contrattuale molto flessibile, che consente all’azienda di disporre di manodopera solamente nei periodi in cui ne ha effettivamente bisogno. Generalmente sono gli stessi contratti collettivi nazionali a stabilire in quali mansioni si può ricorrere al contratto di lavoro a chiamata.

Chiaramente non tutte le imprese avranno bisogno di questo tipo di contratto, principalmente ricorreranno al contratto di lavoro a chiamata quelle aziende che hanno una attività stagionale.

La legge con la quale venne istitutita questa forma contrattuale è la Legge Biagi, che recentemente è stata modificata dalla Legge Fornero.

Nella legge sono previste delle condizioni atte a fare in modo che il contratto a chiamata non venga abusato, è così impossibile utilizzare questo tipo di contratto per sostituire lavoratori in sciopero, non si può ricorrere a questo nei periodi festivi o nei weekend e se sono stati applicati ammortizzatori o riduzioni di orario, o effettuati licenziamenti, relativi a personale con le stesse mansioni.

Quanto alle fasce di età nelle quali può essere utilizzato, possono sottoscrivere questa forma contrattuale i lavoratori fino al ventiquattresimo anno di età e quelli sopra i 55 anni.

In ogni caso, indipendentemente dall’età, il lavoratore non potrà lavorare per la medesima azienda per più di 400 giorni nell’arco di un triennio, diversamente il contratto si trasforma in un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

La legge istitutiva del contratto di lavoro a chiamata, inoltre, prevede che questo debba essere stipulato in forma scritta e che debbano essere indicata la scadenza del contratto, il luogo di lavoro e il trattamento economico.

Dal punto di vista della durata, come abbiamo detto, può avere una scadenza, quindi essere a tempo determinato oppure no, trattandosi quindi di lavoro a tempo indeterminato. Nel caso in cui, però, il lavoratore abbia meno di 24 anni sarà obbligatoriamente a tempo determinato, visto che diversamente si supererebbe il limite massimo di età previsto appunto nel compimento del venticinquesimo anno del lavoratore.

Ogni volta che il lavoratore risponde alla chiamata acquisisce una specifica indennità di chiamata, pari al 20% della retribuzione prevista dal contratto collettivo nazionale di lavoro applicato, mentre il rifiuto ingiustificato può comportare licenziamento del lavoratore. Può anche mancare l’obbligo di rispondere alla chiamata e in questo caso il lavoratore è libero di rispondere o meno, e chiaramente non riceve indennità.

Il datore di lavoro, infine, è obbligato a inviare una comunicazione preventiva alla Direzione Provinciale del Lavoro competente ogni volta che decide di avvalersi del contratto di lavoro a chiamata.

Il modello di contratto di lavoro intermittente o a chiamata può essere modificato in modo semplice inserendo le informazioni necessarie per completarlo.