Fac Simile Protocollo d’Intesa

In questa pagina mettiamo a disposizione un fac simile protocollo d’intesa da scaricare e compilare.

Questo atto può avvenire sia tra soggetti pubblici che tra soggetti privati e ha come scopo quello di trovare un accordo su un progetto o una particolare metodologia da mettere in atto.

Contrariamente all’accordo di programma, il protocollo d’intesa da un punto di vista giuridico non possiede valore vincolante, ma obbliga moralmente le parti a procedere lungo la stessa direzione, a perseguire il medesimo fine.

In Italia il protocollo di intesa ha conosciuto un’ampia diffusione solo dopo l’emissione del Decreto Legislativo 267/2000, meglio conosciuto con il nome di Testo Unico degli Enti Locali. Questo decreto ha infatti reso possibile l’autonomia organizzativa e introdotto il concetto di accordo tra enti pubblici, offrendo a questi l’opportunità di prendere accordi anche con i privati per il perseguimento di obiettivi comuni.

Fatte le dovute premesse vediamo come stipulare un protocollo di intesa.

Occorrente

Condivisione d’intenti tra i vari soggetti.

Schema avallato dai firmatari prima che avvenisse la sottoscrizione.

Come abbiamo già spiegato in precedenza, il protocollo d’intesa è un accordo non vincolante tra stati o parti sociali, che vi fanno ricorso in quanto unite da un interesse comune, ma che per definirsi tale non può fare a meno di chiari riferimenti legislativi e finalità.

Data dunque la natura comunitaria dell’atto, lo schema del protocollo d’intesa deve essere per forza di cose stabilito da entrambe le parti, per poi in seguito essere sottoscritto insieme.

Lo schema classico del protocollo di intesa consiste in una parte iniziale nella quale è necessario riportare sia il luogo che la data in cui le parti appongono le firme e ovviamente la denominazione del progetto. A questa parte fa seguito la lista dei soggetti aderenti, ossia i legali rappresentanti.

Alla parte appena descritta, segue una lunga serie di articoli che riportano l’oggetto del protocollo e la lista particolareggiata attinente alle premesse.

Vengono poi posti in evidenza i diversi impegni di cui dovranno farsi carico i sottoscrittori dell’accordo. I suddetti oneri possono differire, essere specifici per ogni firmatario o essere identici per tutti.

Infine, è necessaria l’individuazione dell’ente o del soggetto che coordina, al quale spetta il compito di monitorare e perseguire il raggiungimento degli obiettivi. Tra l’altro, qualora vi siano impegni finanziari, essi devono essere riportati all’interno dell’atto con riferimenti dettagliati a ogni aderente.

Come abbiamo avuto modo di vedere, pur non essendo vincolante, il protocollo d’intesa è un atto risorsa importante che, per essere valida a tutti gli effetti, necessita di una regolamentazione precisa.

File