Fac Simile Reclamo Vodafone

In questa guida spieghiamo come fare un reclamo a Vodafone e mettiamo a disposizione un fac simile da scaricare.

Se avete ricevuto una bolletta Vodafone troppo esosa o volete avere dei chiarimenti ufficiali su alcuni addebiti presenti nella fattura, quello che dovete fare è inoltrare un reclamo. Vedremo nel corso di questa guida come fare un reclamo a Vodafone e dove inviarlo per fare in modo che possiate fare validamente valere le vostre ragioni.

Il fatto che Vodafone sia una delle aziende telefoniche più serie sul mercato non significa che non possa anche esserci la necessità di ottenere chiarimenti. In questi casi Vodafone ha predisposto più di un canale per mezzo del quale si può inviare un reclamo. Oltre al classico canale postale, infatti, troviamo la possibilità di utilizzare strumenti come la mail.

Iniziamo dal tradizionale reclamo scrittom in questo caso si deve redigere una lettera di reclamo, che poi andrà recapitata, con raccomandata con avviso di ricevimento, a Vodafone BV, Ufficio Reclami, Casella Postale 190, 10015 Ivrea (Torino). Quanto alla lettera di reclamo, è possibile utilizzare il modello presente in fondo a questa pagina. Risulta essere anche possibile inviare il reclamo via mail, indirizzando la corrispondenza elettronica a vodafoneomnitel@pocert.vodafone.it. Ricordate però che per fare in modo che la corrispondenza inoltrata via mail abbia valore legale, dovete inviarla da un indirizzo di posta elettronica certificata.

Alternativo a quello scritto è il reclamo Vodafone telefonico, in questo caso è possibile chiamare il servizio clienti al numero 190, qualora foste clienti residenziali, e al numero 42323, per i clienti business. Un’ulteriore possibilità di inoltrare reclamo viene data per mezzo dell’apposito modulo presente nella sezione Contattaci del sito Internet. In questo caso, per potere accedere al modulo, è necessario essere clienti, effettuare l’accesso all’area riservata e compilare i campi presenti. Una volta inviato il reclamo, riceverete una mail di conferma nella vostra casella di posta elettronica. Per chi dispone di uno smarpthone e ha installato sul proprio telefono l’applicazione My Vodafone, basta accedere a questa e inviare il proprio reclamo direttamente dal telefono.

Indipendentemente dalla modalità scelta per inviare il reclamo a Vodafone, entro 45 giorni dal ricevimento del ricorso l’azienda dovrà rispondervi, comunicando se intende accettare le vostre richieste, risarcendo il danno subito, o meno. Qualora Vodafone decida di ignorare il vostro reclamo, non rispondendo, potrete rivolgervi a un’associazione dei consumatori dando inizio così a un procedimento di conciliazione. Per fare questo, però, dovrete presentare la prova scritta che avete inoltrato il reclamo, motivo per il quale è sempre preferibile, tra le varie opzioni che Vodafone presenta, scegliere quelle che presentano possibilità di ricevere una prova scritta dell’avvenuto invio del reclamo, come la raccomandata e la posta elettronica certificata. L’associazione dei consumatori scelta, dopo avere analizzato la vostra pratica, inoltrerà una domanda di conciliazione a Vodafone, la richiesta sarà così analizzata da un’apposita commissione alla quale, secondo la normativa vigente, prendono parte sia membri dell’azienda che delle associazioni di consumatori. Se non si volesse farsi rappresentare da un’associazione dei consumatori, è possibile rivolgersi direttamente al Co.Re.Com., Comitato Regionale per le Comunicazioni. Nell’arco di 30 giorni la Commissione provvederà a stilare una proposta di conciliazione, la quale, essendo una conciliazione, sarà comunque una via di mezzo tra le pretese di Vodafone e le vostre. Se la proposta di conciliazione così come presentata non fosse equa oppure se non viene notificata nel termine di 30 giorni, è possibile appellarsi al Giudice di Pace competente per territorio, presso il quale si instaurerà una procedura di conciliazione stragiudiziale.

Se neppure la soluzione proposta dal Giudice di Pace fosse equa, rimane la possibilità di rivolgersi direttamente all’Autorità Garante delle Comunicazioni. Va precisato però che l’Ag.Com non interviene per dirimere i problemi degli utenti di Vodafone, quanto per controllare il comportamento tenuto dall’azienda telefonica e controllare se lo stesso è conforme agli standard previsti dalla normativa e dall’agenzia stessa.

Comprendere questo ultimo passaggio è molto importante al fine di determinare i motivi per i quali si può inviare un reclamo. Tra i motivi di reclamo più comuni troviamo i casi di bollette telefoniche salate oppure di addebiti in bolletta di costi ai quali non si ha aderito volontariamente. Nel caso Vodafone fornisca il servizio di connessione a Internet, è piuttosto comune il reclamo per connessione ADSL lenta così come è possibile anche inoltrare reclamo per disservizi telefonici.

Da non sottovalutare, infine, la possibilità di disdire Vodafone, molte volte, in sede di disdetta, l’azienda potrà farvi una proposta molto conveniente per rimanere in azienda che vi permetterà di ottenere sconti sul piano tariffario, recuperando così eventuali sovra fatturazioni, senza dover ricorrere a vie giudiziali dall’esito incerto. Tenete sempre a mente, comunque, che il contratto telefonico ha generalmente una durata di 12 mesi e qualora avanzaste disdetta prima della naturale scadenza è possibile vengano addebitati costi di disdetta. Controllate, dunque, quando scade il vostro contratto Vodafone, al fine di sapere sempre se conviene o meno disdire.

File