Lettera di Contestazione Disciplinare

In questa pagina mettiamo a disposizione un fac simile di lettera di contestazione disciplinare.

La lettera di contestazione disciplinare è lo strumento per mezzo del quale è possibile inviare una nota di demerito ad un dipendente, relativa ad un comportamento che questi ha tenuto sul luogo di lavoro.

Risulta essere necessario, ovviamente, che il comportamento che il dipendente ha tenuto sia contrario al regolamento disciplinare, ovvero la serie di documenti indicanti quali comportamenti disciplinari si richiedono ai dipendenti dell’azienda. Questi, chiaramente, dovranno essere conosciuti dal dipendente. è dunque obbligo del datore di lavoro mettere il dipendente in condizione di venire a conoscenza dei regolamenti disciplinari vigenti.

Si adempie a tale obbligo esponendo i regolamenti nella bacheca e comunque nei locali aziendali ai quali accedono i dipendenti.

Secondo punto necessario in caso di contestazione disciplinare è che la stessa sia attuale, quindi immediata, non si potrà effettuare una lettera di contestazione disciplinare per fatti accaduti nel passato, o anche solo la settimana precedente. I fatti oggetto della lettera di contestazione disciplinare dovranno dunque essere accaduti da poco oppure potranno essere accaduti nel passato solamente quando fosse necessario un approfondimento per verificarli.

Così è nel caso, per esempio, di un presunto furto, dove si dovranno compiere delle operazioni contabili, che difficilmente potranno essere immediate, per verificare il furto sia effettivamente sussistito.

La forma nella quale deve essere effettuata la contestazione disciplinare è quella scritta, la lettera di contestazione disciplinare va infatti inviata a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno. La stessa potrà essere composta dalla semplice lettera nella quale indicare le contestazioni commesse che da eventuali allegati.

Il dipendente a sua volta potrà difendersi dalle contestazioni svolte entro e non oltre cinque giorni dalla ricezione della raccomandata contenente la lettera di contestazione disciplinare. Non è obbligatorio la difesa sia per iscritto, anche se è bene la stessa avvenga con tale forma per poter eventualmente procedere in sede giudiziaria qualora il datore di lavoro non accetti le ragioni addotte dal lavoratore. Nel caso si risponda a una lettera di contestazioni disciplinari in forma orale, invece, è bene munirsi di testimoni, sempre per la ragione appena espressa.

La lettera di contestazioni disciplinari conterrà anche l’indicazione delle sanzioni che vengono prese contro il lavoratore, a seconda della gravità dei fatti compiuti e dello storico delle sanzioni già ricevute, il datore di lavoro potrà infatti sanzionare il lavoratore con un semplice monito verbale con relativa difesa fino a giungere al vero e proprio licenziamento, potenzialmente seguito da una vera e propria causa giudiziaria.

File