Modello di Fattura Differita

In questa pagina mettiamo a disposizione un modello di fattura differita da compilare e stampare.

Quando si verifica una transazione e dunque una compravendita di beni e servizi tra due imprese, vi è la possibilità di emettere due tipologie di fatture. Da un lato troviamo la classica fattura, nota anche come fattura immediata, mentre dall’altro si trova un’alternativa, la fattura differita. Questa modalità di fatturazione in realtà non è una novità nel campo delle transazioni di beni fisici, al contrario, dal 2013, risulta essere valida anche quando si verifica l’erogazione di un servizio.

Come dice il suo stesso nome, la fattura differita è un documento che contiene al suo interno tutte le indicazioni relative ad un bene venduto o ad un servizio fornito, in pratica, è identica in tutto e per tutto alla comune fattura. Al suo interno, dunque, si trovano registrate informazioni fondamentali come la data di erogazione del servizio o vendita del prodotto, la tipologia di merce o servizio venduti, l’ammontare economico della prestazione e via discorrendo. Naturalmente, c’è un elemento che traccia una netta differenza tra la fattura differita e quella immediata, la possibilità di emetterla non necessariamente entro le ventiquattro ore successive alla prestazione o alla vendita.

La fattura immediata è tale se consegnata all’acquirente entro ventiquattro ore dalla consegna della merce o dall’effettiva prestazione erogata. Al contrario, la fattura differita può essere consegnata entro il 15 del mese che segue la data della prestazione o della vendita. Questo comunque non modifica le informazioni che la fattura dovrà contenere, anche in caso di quella differita bisogna includere la data di vendita o di prestazione servizi. Chiaramente è necessario che, accompagnati alla fattura differita, si trovino anche una serie di documenti in grado di attestare o di certificare l’avvenuta consegna del bene, o la prestazione di un servizio, entro la data indicata sulla fattura.

Per esempio, nel caso di cessione di beni farà fede il documento di trasporto, mentre nel caso di prestazione di un servizio, servirà allegare alla fattura differita le documentazioni apposite. In questa circostanza, però, possono variare da caso a caso. Chiudiamo facendo un esempio pratico di pagamento con fattura differita, ponendo caso che la cessione della merce o la prestazione sia avvenuta a febbraio, essa potrà essere emessa entro il 15 di marzo.

Come ti abbiamo già anticipato, la fattura differita copre sia la cessione di beni che la prestazione di servizi. Questo vale sia all’interno dello Stato Italiano che nel caso l’acquirente si trovi all’interno di uno stato membro dell’Unione Europea. Occorre ripetere che nel caso di cessione di beni bisogna includere il documento di trasporto, mentre insieme alla fattura differita di cessione prestazioni, servono documenti come il contratto o il rapporto giornaliero.

C’è un motivo per il quale la fattura differita viene spesso erogata dalle aziende che vendono merci o prestazioni. Questo è dovuto al fatto che questa modalità di fatturazione semplifica il riepilogo dei diversi pagamenti che vengono ricevuti dai diversi clienti entro ogni singolo mese. Vi è comunque un problema di fondo, le fatture differite vanno registrate entro il 15 del mese successivo, cosa che ovviamente porterebbe non pochi problemi relativi alle tempistiche del versamento IVA , che avviene il 16. Per questa ragione, raramente la fattura differita viene registrata al di fuori del mese effettivo di erogazione del servizio o di vendita del bene.

Il fac simile di fattura differita presente in questa pagina può essere scaricato e modificato in modo semplice e veloce.

File