Modello Istanza Sospensione Esecuzione Immobiliare

In questa pagina mettiamo a disposizione un modello istanza sospensione esecuzione immobiliare da compilare e stampare.

L’istanza di sospensione dell’esecuzione immobiliare è uno strumento che il debitore può utilizzare contro il proprio creditore. Naturalmente si tratta di una soluzione possibile solo in determinati casi. Noi oggi andremo proprio ad approfondire questi. Nello specifico, vedremo come arrivare alla sospensione dell’esecuzione forzata e del conseguente pignoramento dell’immobile. Tutto questo è possibile agendo in via preventiva, oppure intervenendo in corso d’opera, dunque a pignoramento in corso.

Il debitore può evitare di dare il via al processo di pignoramento richiedendo prima la sospensione dei provvedimenti giudiziali a suo carico. In questo modo potrà opporsi al proprio creditore, allungando i tempi. Per fare un esempio, chi giunge in primo grado e viene bocciato può fare appello e ricorrere al secondo grado. Durante questa fase è anche possibile chiedere al giudice di sospendere l’esecuzione del pignoramento della casa. Se il giudice accoglie la richiesta, il creditore è obbligato ad interrompere qualsiasi attività di pignoramento sul nascere.

Se il pignoramento della casa è già in corso, l’unica possibilità è richiedere una sospensione al giudice che ha emesso la sentenza. Uno dei sistemi per ottenere questo risultato è cercare una mediazione col creditore. Questo significa proporre un accordo alternativo e dunque intavolare una vera e propria trattativa. In questo momento è possibile esibire l’istanza di sospensione al giudice. Se il giudice accetta l’istanza, la sospensione non potrà prolungarsi oltre i 2 anni. Inoltre, stando a quanto dice il codice civile, non potrà più essere proposta in futuro. La decisione in merito all’accoglimento dell’istanza verrà presa dal giudice entro dieci giorni.

Poniamo il caso che sia stata depositata un’istanza di sospensione per l’esecuzione immobiliare forzata, e che sia stata accettata dal giudice. Vediamo cosa succede in questa situazione. L’effetto dell’istanza è il seguente, qualsiasi atto esecutivo da parte del creditore viene immediatamente sospeso. Questo significa che il pignoramento della casa e degli altri beni non può essere più attuato. Ovviamente tutto dipende dalle disposizioni del giudice. Scaduto il periodo di durata della sospensione, il processo di esecuzione viene avviato nuovamente. Risulta essere anche in questo caso il giudice che stabilisce i termini del pignoramento. In ogni caso, servono almeno sei mesi per fare in modo che ciò avvenga. Poi, se il pignoramento non viene eseguito entro i termini stabiliti dal giudice, si estingue. Su questo tema bisogna comunque fare un approfondimento.

La legge prevede delle casistiche che possono portare all’estinzione dell’esecuzione immobiliare forzata. Questo può, per esempio, avvenire quando il creditore rinuncia agli atti. Potrebbe accadere per via del raggiungimento di un accordo con conseguente presentazione di istanza al giudice. Il secondo caso lo abbiamo visto poco sopra, la soluzione del pignoramento della casa cessa alla scadenza dei termini imposti dal giudice, dunque per inattività del creditore. Anche la mancata comparizione alle udienze del processo comporta la cessazione dell’esecuzione immobiliare forzata. Infine, il pignoramento immobiliare scade quando la casa va più volte invenduta all’asta.

In questa guida ti abbiamo spiegato le casistiche e gli effetti dell’istanza di sospensione per l’esecuzione immobiliare. Questa può essere proposta sia per le esecuzioni con incanto che per quelle senza incanto. Inoltre, il debitore ha sempre la possibilità di fare cessare il pignoramento adducendo gravi motivi in sede processuale. Tra questi troviamo l’inconsistenza della richiesta del creditore. Troviamo anche la presenza di seri vizi procedurali, che potrebbero aver compromesso l’intero processo. In questi casi sarà come sempre il giudice ad esaminare gli atti e a prendere una decisione.

File