Modello Messa a Disposizione

In questa pagina proponiamo un modello di domanda di messa a disposizione da compilare e stampare.

Prima di procedere, è necessario spiegare esattamente cosa si intenda con domanda di messa a disposizione. Questa è necessaria nel casi siate degli insegnanti e vogliate avere maggiori possibilità di essere chiamati dalle scuole, risulta essere possibile presentarla in vari modi che, in questo articolo, considereremo. Per prima cosa, iniziamo con il dire che la questione è piuttosto semplice. Il documento in questione, infatti, può essere presentato alle scuole in formato cartaceo, compilando un fac simile con i dati personali e la preferenza sulla materia di insegnamento. L’aspirante insegnante potrà presentare questa domanda a tutte le scuole e dovrà specificare la materia per la quale ha conseguito il titolo di accesso all’insegnamento.

Detto questo, però, è necessario tenere conto di alcuni dettagli assolutamente importanti se si vuole avere successo con le proprie richieste. Per esempio, bisogna sapere che il periodo più opportuno per inviare la domanda è all’inizio dell’anno scolastico. Inoltre, alla messa a disposizione dovrà essere allegato il curriculum vitae. Per quanto riguarda il suo invio, invece, sarà valido fino alla fine dell’anno scolastico corrente.

La messa a disposizione può essere inviata da tutti gli aspiranti insegnanti che abbiano conseguito il titolo di studio di accesso all’insegnamento, ossia la laurea magistrale o triennale specialistica. Il modulo potrà essere inviato sia alle scuole pubbliche che a quelle private. Ricordate che per presentare la messa a disposizione non è necessario essere iscritti nelle graduatorie di istituto. Chi, invece, è iscritto e ha già presentato il modello per la scelta delle scuole, avrà la possibilità di presentare la domanda a altri istituti scolastici della stessa provincia. Questo, infatti, permettere la valutazione del punteggio nella graduatoria in cui si è iscritti.

Per concludere, ecco altri particolari da tenere in considerazione per avere più possibilità di essere scelti. Per esempio, chi è incluso nelle graduatorie di istituto può inviare la messa a disposizione alle scuole non scelte e inserite nel modello B. Questo gli permetterà di avere maggiori possibilità nel garantirsi incarichi. Chi, invece, continua a non essere incluso nelle graduatorie, può scegliere le istruzioni scolastiche senza riserve. In sintesi, non è previsto un numero limite di domande che è possibile inviare.

Per quanto riguarda, invece, la spedizione, la messa a disposizione può essere inviata per posta privata, posta certificata, oppure può essere consegnata a mano presso la segreteria della scuola, che prenderà in carico il documento archiviandolo. Per tutto l’anno scolastico corrente sarà possibile ricevere incarichi di insegnamento. Ogni anno, però, sarà necessario rinnovare l’invio della messa a disposizione con la possibilità di cambiare le proprie scelte.

File