Fac Simile Liberatoria Fotografica

La liberatoria fotografica è un documento per mezzo del quale una persona ritratta in una foto o in un video acconsente alla diffusione della propria immagine per scopi commerciali o non commerciali.

Va detto, infatti, che non è sempre permesso diffondere o commercializzare immagini nelle quali appaiono persone che non hanno fornito la liberatoria fotografica, per essere precisi la legge italiana stabilisce che generalmente non si possono diffondere immagini di terzi, salvo casi espressamente previsti che ora vedremo.

Ai sensi della legge 633 del 22 aprile 1941, infatti, non si possono esporre, riprodurre o commercializzare ritratti, fotografie o video nelle quali appaiono persone differenti da chi ha realizzato il video, a meno che non si tratti di persone famose, come potrebbero essere i cantanti, gli attori, i politici, o ancora non ci siano alla base della diffusione delle immagini ragioni di polizia, di giustizia, scopi didattici o scientifici. Un altro caso speciale sono le cerimonie svoltesi in pubblico o di interesse pubblico, così come fatti o avvenimenti pubblici, in questi casi è possibile riprodurre immagini altrui senza preventivo consenso.

In tutti gli altri casi non sopra indicati, per riprodurre una immagine o un video, bisogna che la persona ritratta o ripresa rilasci un dichiarazione, simile al modello liberatoria fotografica che mettiamo a disposizione. Risulta essere importante, dunque, anche se siete fotografi amatoriali o registi amatoriali e che solamente amate caricare foto o video su vostri siti personali o social network, che abbiate sempre con voi delle copie della dichiarazione liberatoria.

Risulta essere questa l’unica forma per essere tutelati e affinché un domani, a immagini o video pubblicate sulla base di una accettazione solamente verbale, non vi troviate oggetto di una causa per danni da parte delle persone riprese nelle foto o nei video.

In ogni caso, fermi restando i punti di esenzione della liberatoria fotografica sopra indicata, è sempre vietata la riproduzione, commercializzazione o diffusione di immagini di terzi che danneggino al loro onore, reputazione o anche solo decoro.

Va fatta dunque molta attenzione nel pubblicare immagini di terzi, particolarmente in rete e, in effetti, è sufficiente sfogliare le pagine di cronaca dei giornali per trovare sempre più spesso casi di persone che sono state vittima di pubblicazione di immagini senza consenso. La stessa attenzione va prestata anche nel caso si ripubblichino, attraverso le forme della condivisione, delle immagini, foto non caricate dall’utente ma caricate da terzi, anche in questo caso la condivisione costituisce una pubblicazione di una immagine, senza averne i diritti o lesiva dei dell’onore qualora si aggiunga anche questa specifica fattispecie

Il fac simile di liberatoria fotografica che mettiamo a disposizione è in formato Doc e può essere scaricato e modificato in modo semplice e veloce.

File