Modello Richiesta Certificato Ipotecario

In questa pagina mettiamo a disposizione un modello di richiesta certificato ipotecario da scaricare e compilare.

Quando si compie un investimento tanto oneroso come comprare casa, per il quale è necessario dare fondo ai propri risparmi e nella maggioranza dei casi, sottoscrivere un mutuo, è normale acquisire il maggiore numero di informazioni possibile sull’abitazione che si intende acquistare.

Tra i tanti documenti da visionare, al fine di evitare brutte sorprese, troviamo anche il certificato ipotecario.
In questa guida vedremo come ottenere la lettura di questo documento e le informazioni che è possibile trovare su di esso.

Come anticipato, le operazioni di controllo da eseguire quando si desidera comprare un’abitazione sono numerose. Se non si ha molta pratica nel campo e non si ha molto tempo a disposizione, è preferibile rivolgersi ad una persona di fiducia, un professionista del settore.

La prima operazione da compiere è accertarsi che chi il proprietario abbia una regolare concessione edilizia e il relativo certificato di abitabilità.
Fatto ciò bisognerà controllare l’effettiva consistenza dell’immobile, controllando
-Dati identificativi.
-Dati di classamento.
-Superficie catastale.
-Dati anagrafici dell’intestatario dell’immobile.
Informazioni facilmente acquisibili mediante una semplice visura catastale. Altro documento che deve essere assolutamente controllato è l’Attestazione di Prestazione Energetica, documento conosciuto con la sigla APE, che classifica le caratteristiche energetiche dell’immobile mediante una scala da A a G.

Eseguite le prime operazioni di controllo, è fondamentale venire a conoscenza se sull’immobile che si intende acquistare gravano o meno ipoteche. In altre parole è fondamentale controllare che il venditore non si sia indebitato fornendo l’abitazione che si intende acquistare a titolo di garanzia o che su questa non gravino cause giudiziarie, pignoramenti, richieste di rivendicazioni. Informazioni riportate sul certificato ipotecario.

Questo documento viene emesso dalla Conservatoria dei Registri Immobiliari presso gli Uffici provinciali e riporta l’eventuale presenza di pignoramenti, compravendite, ipoteche, espropri e qualunque altra informazione ha caratterizzato la storia dell’abitazione a cui fa riferimento.

Per il rilascio di questo documento basta compilare un apposito modello di richiesta, disponibile in questa pagina, a cui bisognerà apporre una marca da bollo da 16 euro, con riportati i dati del richiedente e ulteriori informazioni indispensabili per il rilascio.
Per ogni certificato bisognerà versare una quota di 30 euro, a titolo di imposta ipotecaria. In più, per ciascuna nota esaminata dall’ufficio e fino a un massimo di mille, bisogna corrispondere 2 euro. Somme dovute anche nel caso in cui il documento non venga ritirato.
Per quel che concerne il rilascio di copia, il costo è di 10 euro per ogni copia di nota.

Chi desidera velocizzare i tempi, può richiedere il certificato ipotecario on line sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Durante l’installazione del programma, si può scegliere fra una versione completa, che permette la gestione anche delle anagrafiche di soggetti, immobili e richiedenti e una semplificata, che permette esclusivamente di richiedere il certificato ipotecario senza ulteriori benefici.

File