Modello di Lettera Motivazionale

In questa pagina mettiamo a disposizione un modello di lettera motivazionale da compilare e stampare.

Nonostante molte aziende la richiedano insieme al curriculum, sono ancora tante le persone che non sanno cosa sia una lettera di presentazione, detta anche lettera motivazionale, non solo non hanno la minima idea di cosa si tratti, ma non sanno neanche, di conseguenza, come si scrive.
Questo è un vero peccato però, perché tante aziende, in mancanza di lettera motivazionale, non prendono neppure in considerazione il curriculum presentato dal candidato.
Se appartieni anche tu alla folta schiera di persone che ignorano l’esistenza della lettera motivazionale, in questa guida ti spieghiamo tutto, ma proprio tutto, quello che c’è da sapere in proposito, consigli facili e veloci da mettere in pratica, senza nulla di complicato.
Non ti resta che continuare a leggere e alla fine di questa guida, vedrai tu stesso, scrivere una lettera motivazionale coi fiocchi sarà per te un gioco da ragazzi.

La lettera di presentazione o motivazionale accompagna il curriculum, anzi lo precede, rappresentandone probabilmente l’elemento più significativo, in quanto in essa sono scritte le motivazioni che inducono il candidato a cercare lavoro proprio presso quell’azienda, motivazioni che hanno il compito di convincere l’azienda medesima a proseguire nella conoscenza del candidato, leggendo quindi il suo curriculum prima e proponendogli in seguito un colloquio.
A differenza del curriculum, la lettera motivazionale deve essere necessariamente fatta su misura per ogni azienda alla quale ci si rivolge, non mancando di sottolineare ogni volta le caratteristiche più adatte al lavoro per cui ci si presenta.

Il contenuto della lettera motivazionale cambia a seconda dei casi
Se ci si rivolge ad un’azienda con sede all’estero, per esempio, si può fare valere, se c’è, la propria buona conoscenza della lingua di riferimento, se invece ci si candida presso il settore marketing di una multinazionale, sarà bene sottolineare la passione per il settore e magari anche l’ottimo voto ottenuto nella materia all’Università.
Insomma, nella lettera di presentazione è sempre bene mostrare quelle caratteristiche e propensioni di sé che l’azienda dovrebbe avere interesse a ricercare.
Non occorre puntare tutto sui titoli di studio, per quanto importanti, ma è una buona strategia anche rilevare altre qualità, come la puntualità, la disponibilità a spostarsi e a viaggiare, la creatività, la formazione, la conoscenza delle lingue, la mentalità aperta.
In fondo ciascuno di noi ha dei punti da mettere in risalto, basta farlo nel modo migliore.
Ci sono anche cose da non scrivere in una lettera motivazionale, tipo essere disoccupati e non sapere cosa fare, l’azienda vi assumerà soltanto qualora individuerà in voi un certo talento che potrà tornarle utile.

In pratica la vostra lettera di presentazione e il vostro curriculum. dovranno spiccare sugli altri.
Tenete presente che le aziende ogni giorno devono vagliare, scrutinare, selezionare centinaia di curriculum, all’incirca tutti uguali e tutti di persone competenti, è oggettivamente impossibile scegliere.
Tuttavia quel pizzico di estro in più messo nel redigere il curriculum o quella attenzione maggiore con cui vi sarete rivolti all’azienda, potranno far capire a chi sta valutando che, probabilmente, siete proprio voi la persona giusta da assumere.
La ricerca di lavoro è essa stessa, possiamo dire, un vero e proprio lavoro, e in quanto tale richiede, come ogni altra attività, dedizione e un pizzico di originalità.
Se a ciò aggiungiamo la penuria di possibilità di lavoro che purtroppo caratterizza la società attuale, sempre più stretta nella morsa della crisi economica, si comprende ancora di più l’importanza di una buona presentazione quando si è alla ricerca di un posto, anche calcolando che questi sono sempre meno, mentre le domande continuano a crescere.
Distinguersi, impegnarsi, mostrarsi diversamente dagli altri, in pratica ognuno uguale all’altro, può rappresentare il migliore biglietto da visita possibile, un punto in più a proprio favore che potrebbe portare il capo dell’azienda a pensare che vale la pena scommettere su di voi e non su uno scelto a caso.

File