Fac Simile Ricevuta di Pagamento

In questa pagina mettiamo a disposizione un fac simile ricevuta di pagamento da compilare e stampare.

Quando si riceve il pagamento per una prestazione o un servizio e soprattutto nel caso in cui si tratti di somme di denaro piuttosto cospicue, spesso la controparte impone il rilascio di una specifica ricevuta come attestazione della avvenuta corresponsione.
Realizzare questo tipo di ricevuta è un’operazione semplice ma, per fare in modo che sia valida, bisogna che essa rispetti alcuni punti fondamentali.
In questa guida vi spieghiamo in modo semplice e chiaro come emettere una ricevuta di pagamento in modo corretto.

Come prima cosa scaricare il modello presente in questa pagina.
Da sapere, la ricevuta di pagamento può essere scritta a mano o con il Pc, visto che a livello di validità dell’atto ciò non ha nessuna influenza.
Qualora non abbia valore a fini fiscali, la ricevuta potrà essere scritta su un classico foglio bianco specificando luogo e data di emissione.
Dopo aver inserito queste informazioni, passate alla riga successiva e indicate sinteticamente l’oggetto, ovvero la motivazione, per la quale state ricevendo il pagamento, di seguito invece, cioè alla riga successiva, iniziate a scrivere in modo più dettagliato la vostra ricevuta.

Iniziate indicando i vostri dati personali, pertanto nome, cognome, data e luogo di nascita, residenza, e proseguite scrivendo le informazioni che identificano la persona che vi sta effettuando il pagamento, spiegando anche la ragione di questo.
Infine, per fare in mola ricevuta sia valida, è indispensabile apporre le firme dei contraenti.

Prima di concludere è opportuno soffermarsi su una questione piuttosto importante: eccola.
Molto spesso si tende a confondere la ricevuta fiscale con quella non fiscale, ma in realtà si tratta di due cose diverse che è bene analizzare più attentamente.

La ricevuta fiscale è un documento valido, ai fini fiscali appunto, per certificare l’avvenuta transazione commerciale in conseguenza ad uno scambio di denaro. Per questa ragione l’emissione della ricevuta fiscale, oppure dello scontrino fiscale, è obbligatoria per tutti i commercianti al minuto, in base a quanto stabilito dal DPR n. 600/73 e dal DPR n. 633/72.
La ricevuta di tipo non fiscale, invece, non è obbligatoria per legge, e risulta essere quella che viene emessa, solo per fare un esempio, quando vendiamo un vecchio oggetto, in pratica, essa rappresenta soltanto la garanzia del debitore del pagamento della cifra fissata per l’acquisto dell’oggetto.
Come potete vedere compilare una ricevuta di pagamento è molto semplice, soprattutto se seguirete alla lettera i nostri consigli.

File