Modello Lettera Chiusura Conto Corrente

Chiudere il conto corrente è diventato un’operazione molto semplice da quando lo Stato, per mezzo del Decreto Bersani è intervenuto nel settore stabilendo gli Istituti di Credito non dovessero imporre penali ai clienti che desideravano chiudere un conto.

In precedenza, infatti, l’operazione di chiusura conto corrente era resa molto costosa dalle banche che applicavano penali onerose per disincentivare i clienti a optare per questa soluzione.

Oggi invece la normativa stabilisce non si debbano pagare penali alcune, anche se questo non significa non vi siano dei costi: nel momento in cui si chiude il conto corrente si dovranno comunque pagare alla Banca le spese di bollo, che questa poi verserà allo Stato, oltre che la quota del canone del conto corrente, qualora ve ne sia uno.

Dal punto di vista operativo, invece, esistono tre differenti situazioni nelle quali si può trovare una persona che desideri estinguere il proprio conto corrente.

La prima, e forse le più comune, è quella che si chiuda il conto corrente per aprirne uno nuovo in una nuova banca. In questo caso a occuparsi della chiusura del vecchio rapporto sarà proprio la nuova banca, che vi farà firmare una apposita delega. Tutto quanto dovrete fare, dunque, sarà individuare l’istituto di credito la cui offerta meglio vi aggrada e richiedere si occupino loro dell’estinzione del precedente rapporto, firmare la relativa documentazione ed è tutto.

Nel caso invece non si voglia migrare ad un altro istituto, o comunque nel caso si voglia fare da soli, esistono due differenti situazioni nelle quali ci si può trovare, la prima è quella che si desideri fare tutto via posta e la seconda prevede di recarsi fisicamente dall’istituto bancario presso il quale è acceso il rapporto da estinguere.

Il primo caso vi farà risparmiare tempo ed eviterà anche di rispondere alle domande sul perché volete chiudere il rapporto, che sicuramente l’Istituto di Credito vi rivolgerà. Di contro troviamo tempi più lunghi di chiusura e il fatto che se mancasse un documento, i tempi di chiusura potrebbero dilatarsi. In ogni caso, per chiudere il conto corrente via posta, è sufficiente mandare una raccomandata con avviso di ricevimento all’indirizzo della filiale presso la quale è tenuto il rapporto di conto corrente nella quale si espliciti chiaramente la propria volontà di chiudere il conto corrente. Non è necessario indicare le motivazioni mentre è obbligatorio allegare alla raccomandata una copia del documento di identità nonché tutti gli strumenti di pagamento collegati al conto corrente da estinguere. Per strumenti di pagamento parliamo di bancomat, carte di debito, carte di credito, assegni e via dicendo. Tutti questi dovranno essere tagliati o comunque resi inservibili.

L’ultima opzione, che è anche la più semplice, è quella di recarsi di persona presso lo sportello della banca nel quale è incardinato il rapporto di conto corrente e chiederne l’estinzione. Porterete con voi il documento di identità e tutti gli strumenti di pagamento collegati a quel conto che verranno annullati in tempo reale dal dipendente della banca che eseguirà le operazioni di chiusura.

In tutti i casi è necessario che non vi siano operazioni pendenti, quali bonifici da effettuare o assegni da incassare, altrimenti non si può chiudere il conto corrente senza prima portare a termine queste operazioni. Anche rapporti collegati al conto corrente, come il deposito titoli, per esempio, dovranno essere estinti in precedenza o contestualmente alla estinzione del conto stesso.

Nel conto corrente da estinguere infine dovrete mantenere una giacenza minima di 50 euro, che coprirà appunto le spese necessarie al pagamento della quota del canone che calcolerà l’istituto di credito oltre che del bollo statale.

Quanto rimarrà nel conto corrente, detratte le spese appena enumerate, vi verrà spedito a casa con un assegno, oppure verrà bonificato a un nuovo conto corrente, che indicherete nella lettera di chiusura conto corrente. Generalmente i tempi necessari per chiudere un conto corrente vanno dai 6 ai 15 giorni.

File