Modello Lettera di Prelazione dell’Inquilino

In questa pagina mettiamo a disposizione un modello di lettera di prelazione dell’inquilino per lavori di ristrutturazione da compilare e stampare.

La lettera di prelazione per l’inquilino è un documento molto importante, che prevede il rispetto dei diritti del locatario. Si tratta di una questione che merita un approfondimento, proprio per via delle sue conseguenze. In pratica, l’inquilino può appellarsi al diritto di prelazione d’acquisto nel caso in cui il locatore abbia deciso di vendere l’immobile. Risulta essere un’opportunità che emerge in difesa del locatario, impossibilitato a sfruttare il proprio diritto di rinnovo automatico del contratto di locazione. Ecco perché oggi ti spiegheremo in cosa consiste il diritto di prelazione sull’acquisto e come scrivere l’apposita lettera.

Un normale contratto di locazione, per legge, deve avere la durata minima di quattro anni. Allo scadere di questa prima decorrenza, il locatario ha diritto al rinnovo automatico per altri quattro anni. Questo vale in assenza di casistiche particolari, come la necessità del locatore di vendere l’immobile nel quale risiede l’inquilino. Se il proprietario di casa mette in vendita l’immobile, per l’inquilino scatta il diritto di prelazione all’acquisto. Al termine della prima decorrenza del contratto d’affitto, se la casa viene messa sul mercato, l’offerta del locatario ha la priorità sulle altre. Chiaramente esistono dei paletti che l’inquilino deve rispettare. Per iniziare, deve accogliere le richieste del locatore, dunque il prezzo e le altre condizioni d’acquisto esposte. Inoltre, il locatario deve presentare la propria offerta ufficiale entro 60 giorni dall’invio della lettera.

Esistono dei casi particolari che ti impediscono, sempre per legge, di esercitare il tuo diritto di prelazione. Questo avviene nel caso in cui l’immobile debba essere destinato al proprietario o ai parent. In pratica, se il locatore decide di andarci a abitare, dovrai rinunciare sia al rinnovo automatico che al diritto di prelazione sull’acquisto. Tra le altre cose, il diritto di prelazione all’acquisto della casa vale solo al termine della prima decorrenza. Questo signific che, se hai già sfruttato il diritto di rinnovo automatico al termine dei primi 4 anni, non potrai poi usufruire della prelazione. Questa è una sentenza ufficiale della Cassazione, che si basa su un motivo preciso, il diritto di prelazione è una sorta di compensazione che scatta in mancanza della negazione del rinnovo automatico. Se questo è già stato sfruttato, il locatore è libero di fare ciò che vuole con la propria casa.

Vediamo cosa succede se il diritto di prelazione all’acquisto della casa non viene rispettato dal proprietario dell’immobile. Questo potrebbe accadere nel caso in cui il proprietario abbia deciso di vendere la propria casa ad un altro acquirente. Il tutto senza concedere all’inquilino la possibilità di muovere una propria offerta. Se succede questo, il locatario ha comunque la possibilità di vedere rispettati i propri diritti. Stavolta, però, si parla del diritto di riscatto, in pratica, l’acquirente dell’immobile è obbligato a vendere la casa all’ex inquilino. A patto che ciò avvenga nell’arco dei sei mesi successivi alla vendita.

File