Modello RLI

In questa pagina mettiamo a disposizione un modello RLI da scaricare e compilare.

Si tratta di un fac simile che può essere utilizzato per la compilazione del modello RLI.

Come Compilare il Modello RLI

Uno degli adempimenti più comuni da fare è la registrazione del contratto di locazione all’Agenzia delle Entrate e per fare questo è necessario utilizzare il Modello RLI.
Bisogna infatti ricordare che tutti i contratti di locazione di beni immobili, anche se relativi a fondi rustici o stipulati dai soggetti passivi Iva e indipendentemente dal canone, vanno obbligatoriamente registrati a cura del conduttore o del locatore nel termine massimo di 30 giorni dalla data della stipula o dalla decorrenza del contratto se anteriore.

Questo nuovo strumento, oltre che per la registrazione del contratto di locazione, si può utilizzare anche per l’opzione o la revoca della cedolare secca, per gli adempimenti successivi, ovvero la cessazione, la proroga, la risoluzione, il subentro, e per la comunicazione dei dati catastali.
In pratica, questo nuovo documento ha sostituito il vecchio modello 69.

Visto che i vecchi documenti non sono più validi e non vengono accettati presso gli uffici deputati, la compilazione del modello RLI è indispensabile per lo svolgimento delle varie operazioni.
In realtà esso rappresenta una semplificazione rispetto al passato, in quanto tutti i possibili adempimenti che riguardano l’immobile, vengono inseriti in esso.

Il modello RLI è composto da cinque quadri, cioè il quadro A Dati generali, il quadro B Soggetti, il quadro C Dati degli immobili e quadro D Regime di Tassazione e l’eventuale Quadro E.

Vediamo più nel dettaglio come compilare i diversi quadri.
-Quadro A. Contiene i dati generali, come tipo di contratti, durata, importo del canone di locazione, codici fiscali degli eventuali garanti, somma concessa a garanzia.
Nella sezione I bisogna inserire i dati del contratto da allegare e necessario per la registrazione, con la relativa data di stipula.
Nella sezione II, dedicata agli adempimenti successivi bisogna indicare, barrando le relative caselle, la data di fine proroga, cessione o risoluzione e il corrispettivo da corrispondere.
La sezione III è divisa nei riquadri destinati al richiedente, al rappresentante legale, ai dati della delega per la registrazione, all’impegno alla presentazione telematica del modello e infine alle imposte.
-Quadro B. Bisogna inserire i dati anagrafici e fiscali di locatore e conduttore.
-Quadro C. Bisogna inserire i dati identificativi dell’immobile come il tipo, Sezione Foglio e Particella, categoria catastale di appartenenza, rendita e indirizzo di ubicazione.
-Quadro D. In questa parte è possibile indicare l’eventuale opzione per la cedolare secca e la revoca della stessa. La revoca può essere effettuata in ogni annualità successiva a quella in cui viene esercitata l’opzione, entro il termine stabilito per pagare l’imposta relativa all’annualità a cui si riferisce.
-Quadro E. Permette di indicare i diversi canoni pattuiti nel contratto per le annualità successive.

Il modello RLI può essere scaricato in fondo a questa pagina.
Il soggetto interessato, dopo avere stampato il modello, può compilarlo riempiendo come indicato gli spazi mancanti, nei quali dovranno essere correttamente inseriti i dati elencati in precedenza.
Per chi preferisce la modalità online, è disponibile il modello RLI editabile, che si può modificare direttamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate e che poi si può scaricare dopo averlo già compilato.
Quando ci si reca presso l’ufficio addetto a consegnare il modello per registrare il contratto di locazione, occorre presentare al contempo anche una serie di documenti.

Vediamo, precisamente, di quali documenti si tratta.
In pratica, al modello RLI devono essere allegati i documenti che riguardano l’immobile e quelli che concernono i due contraenti.
Precisamente bisogna fare due fotocopie del contratto di locazione accompagnato dalle relative marche da bollo del valore di euro 16,00, secondo quanto prescritto dalla legge, bisogna allegare una marca per ogni 100 righe o per ogni 4 pagine di contratto.
Oltre a ciò, bisogna anche allegare la ricevuta di avvenuto pagamento dell’imposta di registro, il versamento del quale si può fare attraverso il modello F24.
Al momento della presentazione del modello e della relativa ricevuta, viene data la ricevuta. ciò è previsto indipendentemente dal fatto che si scelga la tradizionale modalità cartacea o si decida di fare tutto online.

Vediamo, infine, dove si deve consegnare il modello.
Due le possibilità, su Internet, presso il sito dell’Agenzia delle Entrate dopo essersi registrati oppure presso l’ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate che poi si occuperà di inviare il tutto.

Come si può vedere, compilare un modello RLI è facile e veloce, un’operazione alla portata di chiunque.
Tutto è reperibile e scaricabile dalla rete, una circostanza che consente a tutti di ottemperare all’impegno senza inutili perdite di tempo e senza che ci sia nulla di particolarmente complicato da fare.
Il modello è semplice e chiaro e si deve prestare soltanto un minimo di attenzione a riempire ogni campo in modo corretto e come richiesto.

Modello RLI

Il modello RLI presente in questa pagina può essere scaricato e modificato in base alle proprie esigenze.