Modello Delega Assemblea di Condominio

In questa pagina mettiamo a disposizione un modello di delega assemblea condominiale da compilare e stampare.

L’assemblea di condominio è un argomento legalmente abbastanza particolare, questo perché esistono certe regole imposte dal Codice Civile e dunque dalla legge, e altre regole sulle quali invece il Codice Civile non si espone. Ciò significa che alcune casistiche prevedono la possibilità di regole indipendenti da quanto stabilito in termini di legge, dunque l’opportunità di personalizzare un certo regolamento. Ecco spiegato perché bisogna fare chiarezza su questo argomento, soprattutto se parliamo della delega dell’assemblea di condominio.

La delega per l’assemblea condominiale è un documento che deve obbligatoriamente avere forma scritta. Il documento autorizza una certa persona, delegato, a fare le veci di un altro condomino, delegante, durante l’assemblea del condominio. Spesso questa delega viene assegnata per coprire un’eventuale assenza di un certo condomino, che vorrebbe comunque dire la sua e avere voce in capitolo. Tramite la delega può autorizzare un’altra persona a prendere la parola e ad avere diritto di voto al proprio posto. Qui, vanno comunque fatte delle precisazioni, vediamo cosa stabiliscono le norme del Codice Civile sulla delega per l’assemblea di condominio e quali sono invece le libertà che ogni regolamento condominiale può prendersi in questo senso.

Per iniziare, il Codice Civile stabilisce il diritto di deroga come obbligatorio da rispettare, dunque, se un condomino preferisce autorizzare un proprio rappresentante può farlo, senza dovere rendere conto a nessuno, e senza che qualcuno possa impedirgli ciò. Questo significa che, se il regolamento del condominio presenta una clausola che lo vieta, questa clausola non ha valore. Risulta essere invece obbligatoria la forma scritta della deroga. La legge, invece, non si pronuncia in merito alla natura del delegato, questo significa che potrebbe essere un altro condomino, oppure una persona esterna al condominio. In questo caso, invece, possono sussistere clausole nel regolamento condominiale che vietano questa pratica, ammettendo come delegati solo i condomini.

Prima di proseguire con lo studio della figura del delegato, va fatta un’altra considerazione, per legge, questo soggetto non può mai coincidere con l’amministratore del condominio, in nessun caso, perché potrebbero sorgere conflitti di interesse. Dopo di ciò, è interessante sottolineare che una persona può anche avere più deleghe, non è affatto detto che debba rappresentare un solo condomino per volta.  Nel caso di un condominio con un numero pari o inferiore a 20 condomini, non esiste un limite al numero di deleghe. Se invece il numero dei condomini è superiore a 20, il soggetto non potrà avere un numero di deleghe superiore a un quinto dei condomini. Naturalmente, un delegato conta per tutti i suoi deleganti, per esempio, se un soggetto possiede 5 deleghe, vale come presenza per quei 5 deleganti e ha diritto di voto per quei 5 deleganti.

Una delega è un documento sostanzialmente semplice, basta inserire informazioni obbligatorie come i nomi del delegato e del delegante, la data dell’assemblea di condominio e altre informazioni come l’ordine che sarà discusso durante la suddetta. Per qualsiasi cosa, ti basta controllare il nostro modello e vedere come risulta essere strutturato. Risulta essere necessario sottolineare anche che una delega permanente non è ammessa per legge, e vale solo per un evento.

Il fac simile di delega assemblea di condominio presente in questa pagina può essere scaricato e modificato in modo semplice e veloce.

File